Integratori di lattasi

Integratori di lattasi

integratori lattasiIn caso di intolleranza al lattosio di grado medio, è possibile aiutarsi con integratori a base di lattasi, gli enzimi che servono a digerire il lattosio (e che mancano in caso di intolleranza). Sono pastiglie che è possibile trovare in farmacia e che si ingeriscono prima dell’assunzione di lattosio. Tali pastiglie permettono a chi non soffre di una grave intolleranza di poter ingerire modiche quantità di lattosio senza star male, ma non guariscono assolutamente. Sono quindi da usare saltuariamente e in casi “di emergenza”, per “togliersi uno sfizio”, quando cioè si desidera ingerire cibi che contengono modiche quantità di lattosio.

In commercio possiamo reperire vari prodotti:

  • BIOINTOL è  un integratore di enzimi e beta-glucani. Ha la caratteristica di rilasciare i biointolprincipi attivi nei tratti del tubo digerente dove risultano più attivi grazie alla particolare formulazione a doppio strato e questo ne aumenta l’efficacia. Si consiglia una posologia di due compresse al giorno per almeno per quattro/sei settimane per poi passare a seconda dei risultati ad una compressa giornaliera al giorno. Per l’uso di Biointol in età scolare e per le donne in gravidanza è indispensabile il consiglio del medico.

 

  • CAOLAT, è un integratore alimentare a base di beta-galattosidasi (Lattasi), enzima naturalecaolat contenuto nelle maltodestrine fermentate. La beta-galattosidasi, in sinergia con l’argilla bianca (Caolino), aiuta a ripristinare un ambiente favorevole all’attività intestinale in modo che il lattosio non raggiunga indigerito il colon, dove verrebbe fermentato dai batteri intestinali ivi presenti, con conseguente produzione di gas e dolori addominali. L’argilla bianca ha un forte potere assorbente verso gas e sostanze tossiche, viene usata da molto tempo nei disturbi gastrici: agisce rivestendo la mucosa gastrointestinale, la protegge e assorbe le tossine e i gas presenti nel tubo digerente. La forma gastroprotetta della capsula di CAOLAT, fa sì che i principi attivi arrivino integri nell’intestino, evitando la degradazione a livello dello stomaco. Si assume una capsula un’ora prima dei pasti principali. La confezione è da 30 compresse.

 

  • DIGERLAT è un integratore alimentare che contiene l’enzima lattasi e microrganismi vivi di digerlatLactobacillus Acidophilus. Il Lactobacillus acidophilus è un microrganismo probiotico capace di colonizzare il tratto gastrointestinale e produrre l’enzima lattasi, necessario alla digestione del lattosio. Al contrario degli altri integratori, quindi, Digerlat si propone anche di diminuire la gravità dell’intolleranza al lattosio, e quindi è consigliato assumere 1 capsula ogni mattina, per favorire la colonizzazione dell’intestino da parte di L. acidophilus e 1 capsula ogni 3,3g di lattosio (65 ml di latte). Si consiglia l’assunzione di prodotti contenenti lattosio dopo 10 gg dall’inizio del trattamento con Digerlat.

 

  • DIGESI 9000: integratore alimentare a base di lattasi, senza glutine. In commercio da digesi9000poco contiene 9000 unità di lattasi per compressa, ogni confezione ha 30 compresse. La posologia di DIGESI9000 deve essere adattata in funzione della gravità dei sintomi dovuti all’intolleranza al lattosio e alla quantità di lattosio ingerito. Una compressa è sufficiente nella maggior parte dei casi di intolleranza, essendo in grado di digerire più di 20 g di lattosio (corrispondente alla quantità di lattosio contenuta in 400 ml di latte). Se i sintomi persistono può essere assunta una seconda compressa.
    Si consiglia di assumere 1 compressa (da masticare o ingerire intera) con il primo boccone o sorso di cibi rispettivamente solidi o liquidi contenenti lattosio. Se dopo 20-45 minuti si continua ad ingerire cibi con lattosio si consiglia di assumere un’altra compressa. Si consiglia l’uso negli adulti e nei bambini al di sopra dei 10 anni di età.

 

  • GASDEP® ACTIVE è un integratore alimentare a base di estratti vegetali, enzimi e gasdepfermenti lattici. Gli estratti vegetali di Finocchio, Menta, Zenzero ed Anice stellato risultano utili per favorire la funzione digestiva, la regolare motilità gastrointestinale ed eliminazione dei gas. I fermenti lattici favoriscono l’equilibrio della flora batterica intestinale. La Beta – galattosidasi (Lattasi) migliora la digestione del lattosio nei soggetti che lo mal digeriscono.  L’Alfa galattosidasi aiuta l’assorbimento dei carboidrati complessi negli alimenti, riducendo i processi di fermentazione ed evitando produzione di gas. Bustina rossa: Finocchio, Maltodestrina fermentata, Enzymix, Beta-galattosidasi, Menta, Zenzero, Finocchio, Anice stellato, Alfa galattosidasi. Bustina blu: Lactobacillus acidophilus La-14, Bifidobacterium lactis Bl-04.Si consiglia l’assunzione di una bustina blu al mattino a stomaco vuoto sciolta in un bicchiere d’acqua; si consiglia l’assunzione di due bustine rosse al giorno, 30 minuti prima di pranzo e di cena.

 

  • LACTAID è un integratore disponibile in pillole facili da inghiottire e può essere usato ogni lactaidgiorno. Bisogna ingerire una compressa poco prima di mangiare alimenti contenenti lattosio. Se l’intolleranza è molto grave, e se comunque si andranno a consumare più alimenti contenenti lattosio, è possibile consumare più compresse al giorno, ma mai più di due contemporaneamente. Lactaid inoltre non contiene glutine, ed è quindi indicato per i celiaci che soffrono anche di intolleranza al lattosio. Le confezioni sono da 60 e da 96 compresse.

 

  • LACTEASE E’ un integratore di lattasi che scindono il lattosio in glucosio e galattosio. lacteaseNon richiede prescrizione medica ed  e’ presente in commercio in due diverse formulazioni: “Adulti” (4500U – confezione da 30 compresse all’aroma di menta) e “Junior” (3000 U –  confezione da 20 compresse all’aroma di fragola). E’ uno degli ultimi integratori usciti in commercio, il prezzo è contenuto e la quantità di enzimi è nella media rispetto agli altri prodotti. Lactease nella versione “Junior” è consigliato nei bimbi dai 3 ai 12 anni, la dose consigliata da ingerire è di due compresse prima di ogni pasto.

 

  • LACTIGEST è un integratore in compresse che va assunto poco prima del pasto; la posologia lactigestdeve essere adattata caso per caso in funzione della gravità dei sintomi dovuti all’intolleranza al lattosio ed alla quantità di lattosio ingerito. La posologia di Lactigest abituale e’ la seguente: Adulti e bambini sopra i tre anni di età, 1 compressa masticabile ogni 5 g di lattosio ingerito (corrispondente alla quantità contenuta in circa   100 ml di latte). Se i sintomi persistono, il dosaggio può essere aumentato. Non bisogna assumere più di 6 compresse come dose unica e di 12 compresse come dose giornaliera. Le compresse vanno masticate, od ingerite intere, subito prima di mangiare o bere il cibo contenente lattosio. Attenzione a non eccedere il dosaggio prescritto dal medico. Ogni confezione contiene 50 compresse masticabili.

 

  • LACTOINT è un Integratore alimentare efficace per favorire fisiologicamente la digestione del lattosio. Le capsule sono gastroprotette e sono composte dall’enzima BETA GALATTOSIDASI,lactoint ottenuto dalla fermentazione del fungo Aspergillus su maltodestrine, dal CAOLINO, sostanza inerte derivata da un silicato contenuto nelle argille, e dalla FIBRA DI ACACIA. L’enzima Beta-Galattosidasi scinde il Lattosio in Glucosio e Galattosio e ne consente l’assorbimento, impedendo l’insorgenza dei sintomi da intolleranza. Il Caolino invece, grazie alla specifica azione assorbente sui gas e tossine intestinali, contribuisce ad eliminare da subito la sintomatologia contrastando i fenomeni di fermentazione intestinale. La Fibra di Acacia, viscosa, assorbe acqua ed aumenta il peso e volume della massa fecale a livello dell’ intestino cieco, riducendo la stitichezza. La posologia deve essere adattata caso per caso in funzione della gravità dei sintomi e della quantità di lattosio ingerito. Comunque, in genere si assume 1 Capsula di LACTOINT da assumere intera (senza masticare) un’ora prima del pasto contenente lattosio. La confezione è da 30 compresse.

 

  • LACTOSì è un integratore disponibile anche in erboristeria. E’ base di Lattasi, Argilla Lactosìbianca e Finocchio.Una capsula di Lactosì contiene ben 14.000 Unità di Lattasi e digerisce fino a circa 5 gr di Lattosio e cioè il contenuto di 100 ml di latte vaccino, inoltre grazie al Finocchio e all’Argilla Bianca riduce i fenomeni di fermentazione e gas a livello addominale. Si consiglia l’assunzione di 1-2 capsule al giorno, circa 30 minuti prima del pasto, in rapporto alla quantità di lattosio assunta. Prima di assumere il prodotto leggere le avvertenze riportate sull’astuccio. Ogni confezione è da 20 compresse.

 

  • Llactosolv.jpgACTOSOLV è il primo prodotto a livello mondiale che usa una β-galattosidasi neutra per aiutare chi soffre di intolleranza al Lattosio. La capsula di origine vegetale si dissolve a livello gastrico pochi minuti dopo l’ingestione, rilasciando granuli gastroresistenti che passano nell’intestino dove si sciolgono e la β-galattosidasi neutra attiva viene resa disponibile al 100% per scindere il lattosio. La β-galattosidasi neutra presente in LACTOSOLV® è simile a quella prodotta dal nostro corpo. LACTOSOLV® scinde solo il lattosio presente e non viene assorbito. LACTOSOLV® ha una attività 6 volte superiore in confronto agli attuali prodotti a base di lattasi acida.

 

  • lattasicomplexLATTASì complex E’ un integratore alimentare composto da due enzimi naturali (la alfa galattosidasi e la lattasi) e da fermenti lattici (lattobacillo acidophilus e bifidobacterium lactis). Il lattobacillus acidophilus ed il bifidobacterium lactis contribuiscono in modo quantitativo e qualitativo alla presenza di una flora batterica intestinale correttamente indirizzata a svolgere le sue peculiari funzioni (EUBIOSI). La LATTASI COMPLEX è un integratore quindi utile in tutte le forme dispeptiche legate alla introduzione di cereali-legumi-frutta-verdura e latticini,
    ed è quindi particolarmente indicato per il corretto funzionamento del sistema digestivo e della motilità intestinale e per tutti i casi di intolleranza al lattosio.
    Posologia: per ripristinare la flora batterica intestinale 1 o 2 capsule a digiuno al mattino; per problemi di dispepsia o di alterata mobilità del colon o di intolleranza al lattosio 1 o 2 capsule prima dei pasti principali.

 

  • milk digestMILK DIGEST  è un integratore alimentare a base di lattasi (beta galattosidasi). La lattasi viene
    ottenuta dalla fermentazione del fungo Aspergillus oryzae su maltodestrine. Sono compresse masticabili da ingerire subito prima del pasto contenente lattosio. Ogni compressa contiene 5000U di lattasi. Ogni confezione ha 60 compresse. Contiene lecitina di soia.

 

  • NOLACT PLUS  è un complemento alimentare, utile a favorire il processo digestivo del latte in caso di intolleranza (da deficit primario o secondario di lattasi o deficit nolact pluscongenito di lattasi). La lattasi (enzima beta-galattosidasi) scinde il lattosio nei suoi due costituenti glucosio e galattosio che risultano essere facilmente digeribili. NOLACT Plus contiene: Caolino (argilla bianca)che svolge una forte azione antiacida, antidiarroica e carminativa, Olio essenziale di finocchio che espleta una potente azione adsorbente dei gas e delle tossine che si sprigionano nei casi in cui il lattosio non viene digerito e Frutto-oligosaccaridi (FOS), fibre alimentari solubili che assorbono acqua aumentando il peso ed il volume della massa fecale nell’intestino cieco, riducendo la stitichezza e la diarrea, inoltre stimolano la crescita della flora batterica (soprattutto quella del genere Bifidus) contribuendo al suo equilibrio. si consiglia di assumere 1 capsula per digerire il lattosio contenuto in 350 ml di latte. Ingerire 1-2 capsule a seconda del bisogno, 1 ora prima dei pasti. La capsula deve essere ingerita intera con poco liquido non deve in nessun caso essere masticata.

 

  • PROLIFE ZERO LATTOSIO  è un integratore alimentare che aiuta a migliorare la prolife zero lattosiodigestione del lattosio, riequilibrando la flora intestinale. E’ Senza Glutine e Senza Lattosio. Ogni capsula contiene 4500U di lattasi, oltre a 3 miliardi di fermenti lattici vivi, fibre prebiotiche e vitamine del gruppo B, ed è sufficiente a digerire fino a 20 g di lattosio (circa 400 ml di latte). Si consiglia di assumere 2 capsule prima o durante i pasti principali, fino a un massimo di 4 capsule al giorno (la capsula può essere aperta ed il contenuto sciolto in acqua o altri liquidi a temperatira ambiente). Non usare il prodotto in caso di patologia epatica o renale, in gravidanza, allattamento e al di sotto dei 14 anni se non dopo aver sentito il parere del medico.

 

  • SILACT , integratore in gocce che va diluito nel latte stesso o in acqua prima dei pasti. Aggiunto SILACT-FASTdirettamente al latte, Silact riduce del 70% o più il lattosio ivi contenuto e questo è sufficiente per la maggior parte degli intolleranti al lattosio. E’ consigliabile non aggiungere Silact direttamente a latte caldo perchè potrebbe essere inattivato. 5 gocce idrolizzano il lattosio contenuto in 1 litro di latte. Si usa aggiungendo 5 gocce ad un litro di latte e mescolando per alcuni istanti, in modo che il prodotto risulti uniformemente distribuito. Successivamente, bisognerà tenere il latte in frigorifero da 12 a 24 ore: dopo tale periodo il latte può essere bevuto ed usato come un latte normale. Dovendo bere il latte senza aspettare il tempo di incubazione in frigorifero, aggiungere 2 gocce ad un bicchiere di latte (200 ml circa) prima del suo consumo. Oggi si trova in compresse masticabili da assumere subito prima dei pasti: ogni compressa ha 4500 unità di lattasi, ogni confezione contiene 30 compresse masticabili.

 

  • LACTASE 3500: questo prodotto è arrivato in Italia da poco e lactase 3500mi ci sono trovata benissimo. Ero a Londra e l’ho trovato in farmacia per puro caso, la curiosità è stata troppa e ho voluto provarlo: ebbene è bastata una compressa per mangiare un intero brownies strapieno di burro senza avere il minimo problema! Ad oggi non c’è in tutte le farmacie ma, se avete qualcuno a Londra, o vi trovate lì in vacanza, provatelo! Si può in ogni caso facilmente reperire su internet. E’ un integratore alimentare a base di lattasi, si presenta in compresse che vanno ingerite subito prima dell’assunzione del prodotto contenente lattosio. Ogni confezione contiene 30 compresse.

 

  • zimaseZIMASE  è un integratore alimentare a base di estratto di Zenzero e Amido di riso fermentato contenente naturalmente enzimi digestivi purificati e titolati quali Amilasi, Proteasi, Lipasi e Cellulasi con aggiunta di Lattasi, Alfa-galattosidasi e Papaina utili per ottimizzare le funzioni enzimatiche di tutto il tratto digerente e favorire il fisiologico processo digestivo. Può concorrere al benessere delle mucose del tratto gastrointestinale sensibilizzate da alimenti o sostanze allergizzanti. E’ senza glutine ed ogni scatola contiene 30 compresse.

 

  • ZYMEREX è un complesso multienzimatico di origine vegetale ottenuto dalla zymerexfermentazione naturale controllata di maltodestrine da riso e grano, ricco in a-amilasi, β-galattosidasi, lipasi, cellulasi. Grazie alla sua specifica formulazione, agisce sia nello stomaco, sia nel tratto acido, basico e neutro dell’intestino. Zymerex è un integratore alimentare che apporta LATTASI per favorire la digestione del lattosio nei soggetti che lo mal digeriscono. Non contiene glutine. Ogni confezione è da 20 compresse.

 

 

Se conosci qualche nuovo integratore a base di lattasi lascia un commento a questo articolo o contattami in privato: mi aiuterai a tenere aggiornata la lista. Grazie!

integratori lattasiintegratori lattasi

36 thoughts on “Integratori di lattasi

  1. Alessandro 31 dicembre 2015 alle 14:55 Reply

    Ciao Lea,
    Grazie per il tuo istruttivo sito.
    Mi chiamò Alessandro e proprio questa mattina mi hanno diagnosticato il “malassorbimento” del lattosio. Mi sento sollevato perché finalmente so che cosa mi creava i disturbi intestinali.
    In realtà me lo aspettavo ma alcune volte mi sentivo male anche quando credevo di non aver assunto lattosio. Ho scoperto poi che il lattosio è presente un po ovunque, anche dove proprio non te lo aspetti.
    Tra i farmaci che hai elencato c’è qualcuno che consigli? Mi sembra che il Digerlat sia l’ideale perché si propone di trattare il problema anziché solo il sintomo.
    Tuttavia, sembri molto entusiasta del Lactase 3500 (vivo in Inghilterra, quindi non dovrei aver problemi a trovarlo).
    Potrei forse prendere il Digerlat ogni mattina per un paio di settimane ed il Lactase 3500 solo all’occorrenza?
    Grazie per l’attenzione e Auguri di Buon Anno!
    Alessandro

    Liked by 2 people

    • aishadoc 31 dicembre 2015 alle 15:25 Reply

      Ciao Alessandro,
      benvenuto nel mondo degli intolleranti! Si, sono molto entusiasta di Lactase perché è l’unico integratore che funziona su di me. Io eviterei di prenderne qualcuno in maniera “sistematica”, non sono farmaci ma palliativi. Ti consiglio di adottare un regime dietetico privo di lattosio e di usare gli integratori di lattasi solo all’occorrenza. Li dovresti provare un pò tutti perché quale vada bene per te dipende dal tuo grado di intolleranza (e quindi dalla quantità di lattasi che sia ottimale per te) e dagli eccipienti che “vadano bene” per il tuo intestino. In bocca al lupo!

      Mi piace

  2. Fulgenzio 5 gennaio 2016 alle 19:49 Reply

    Da pochi giorni in Italia c’è un integratore nuovo di Lattasi per l’ Intolleranza al Lattosio ad altissimo titolo : 9.000 U.I vs la max 5.000 U.I del prodotto più “titolato”.
    L’unico limite è che non si può mettere nel latte ma va assunto masticandolo o sciogliendolo in bocca prima di introdurre latte o cibi con lattosio. Il prodotto si chiama DIGESI 9.000 ed è in compresse masticabili; dovrebbe essere un’ottima soluzione per l’intolleranza al lattosio

    Liked by 1 persona

  3. Eleonora 16 gennaio 2016 alle 14:15 Reply

    Ciao, sono intollerante al lattosio ormai da due anni…molto intollerante! Fino ad ora x gestire gli sfizi ho usato il lacdigest, ma considerato il tuo entusiasmo ho voluto provare solgar. Credo di non saperlo dosare…potresti farmi un paragone di quantità tra lacdigest e lactase? Ho mangiato le stesse cose assunte ogni tanto con il precedente integratore e se non sto del tutto male (come è capitato) ho cmq fastidi…

    Mi piace

  4. aishadoc 17 gennaio 2016 alle 19:29 Reply

    Ciao Eleonora, Solgar non l’ho mai provato, quindi non saprei dirti. Per quel che riguarda gli altri, come puoi leggere sula confezione, Lactigest contiene 2250 unità per compressa, mentre Lactase ne ha 3500 che sono molte di più, quindi con una sola compressa di Lactase dovresti poter riuscire ad ingerire una quantitù di lattosio maggiore rispetto a quella che puoi con una sola compressa di Lactigest. La dose giusta devi trovarla “testando” il tuo intestino. Ti faccio un esempio: con una sola compressa riesco a mangiare un cornetto alla marmellata piccolo o una fetta di torta al cioccolato, con due compresse riesco a mangiare una porzione piccola di tiramisù od anche una crostatina crema e frutta. Devi arrivare alla dose giusta per gradi: prendi una compressa, e comincia con una piccola quantità di lattosio, la volta dopo prendi sempre una compressa aumentando la quota di lattosio ingerita, questo fino a non avere fastidi, quando arrivano i fastidi vuol dire che sei arrivata alla “dose soglia” quindi, o prendi una compressa in più, o diminuisci la quota di lattosio. Spero di esserti stata utile.

    Mi piace

    • Eleonora 27 gennaio 2016 alle 20:31 Reply

      Il lactase che usi tu non è solgar? Pensavo fosse questo il lactase di cui parlavi…2 compresse equivalgono a 7000 FCC lactase unità…

      Liked by 1 persona

      • aishadoc 27 gennaio 2016 alle 20:59 Reply

        No. Il prodotto che uso io si chiama Lactase3500, e l’ho anche recensito. Solgar non lo conosco ancora

        Mi piace

      • aishadoc 27 gennaio 2016 alle 21:00 Reply

        Ad ogni modo se sono 7000 unità per compressa ha una potenza doppia rispetto a Lactase3500

        Mi piace

  5. Anna 24 marzo 2016 alle 21:45 Reply

    Ciao, ho scoperto do essere intollerante al lattosio quasi tre anni fa ma non ho mai fatto ricorso ad “aiuti” …ho sempre cercato di evitare e quando mi capita qualcosa a cui proprio non riesco a rinunciare rischio il tutto per tutto ma sempre in dosi minime.. E che dire a volte mi va benissimo altre invece purtroppo sono costretta a fare i conti con gli odioai dolori addominali 😓
    Ora mi sono decisa ad assumere un integratore ma non so da dove iniziare..cosa mi consigli? Grazie

    Liked by 1 persona

    • aishadoc 24 marzo 2016 alle 22:06 Reply

      Direi di comiciare dalla soluzione più “comoda”: vai nella tua farmacia di fiducia e chiedi quale integratore abbiano. Provalo e se i sintomi dovessero persistere cerca l’integratore che abbia più unità di lattasi. Devi andare per tentativi: tu sola conosci il tuo intestino.

      Mi piace

      • Anna 24 marzo 2016 alle 22:17 Reply

        Grazie!! Allora farò così 😊👍 proviamo!!!

        Liked by 1 persona

  6. Renata 21 aprile 2016 alle 19:08 Reply

    Buonasera, soffro di intolleranza al lattosio che finora ho gestito consumando latte e altri prodotti delattosati. Ora il medico mi ha ordinato 1 capsula da 10 mg pro die di simvastatina per abbassare il colesterolo. Ogni capsula contiene tra gli eccipienti circa 0,70 mg di lattosio che non mi sembrano tanti, ma ho cominciato ad assumere le statine da venerdì scorso e da allora ho sempre mal di pancia. Cosa potrei fare? Sottolineo che non esistono statine senza lattosio e che ho già provato senza successo alternative vegetali alle statine.
    Grazie, cordiali saluti

    Liked by 1 persona

    • maurizio 29 aprile 2017 alle 7:21 Reply

      succede anche sa me la solita cosa e non so cosa fare

      Mi piace

      • aishadoc 29 aprile 2017 alle 9:01 Reply

        L’Atorvastatina doc generico non contiene lattosio.

        Mi piace

  7. aishadoc 22 aprile 2016 alle 8:57 Reply

    Salve Renata, effettivamente è una situazione un pò “delicata” da gestire, ma non si perda d’animo, ci sono varie strade da poter seguire. Può, con l’aiuto del suo medico o del suo farmacista di fiducia, cercare la statina che contenga come eccipiente il lattosio in minori quantità (a seconda delle case farmaceutiche la composizione e la quantità degli eccipienti possono cambiare da molecola a molecola), può in alternativa assumere ogni mattina una minima quantità di lattasi (non ne servono molte unità per contrastare una così piccola quantità di lattosio, andrebbe bene anche il Lactigest), o ancora può provare a “far abituare” il suo intestino a tollerare questa piccola quantità di lattosio: per i primi mesi di assunzione delle statine eviti di assumere qualsiasi prodotto delattosato (per evitare quote di lattosio aggiuntive) e provi poi a reintegrarli gradualmente dopo un paio di mesi di dieta totalmente priva di lattosio, spesso, se il lattosio è assunto in maniera cronica, l’organismo ci si abitua. Spero di esserle stata utile.

    Mi piace

  8. Alessia 1 maggio 2016 alle 23:35 Reply

    Ciao,sono alessia,ho da poco compiuto 18 anni e da 5 anni sono intollerante al lattosio,avendo disturbi gastrointestinali dopo averlo ingerito.Ho risolto quando ho cominciato ad ingerire enzimi prima e durante il pasto contenente lattosio.Ad esempio per un pezzo di torta prendevo 4 pasticche di enzimi,è un ottima soluzione ma non molto bella da vedersi soprattutto se sei ad una festa.Ho risolto completamente con DigeSI 9000 perché contiene 9000 unitá e posso ingerirne solo una ottenendo lo stesso effetto.Provatelo!

    Mi piace

    • aishadoc 1 maggio 2016 alle 23:38 Reply

      Ciao Alessia, grazie per aver condiviso la tua esperienza ☺

      Mi piace

  9. Michela 2 maggio 2016 alle 9:45 Reply

    Ciao grazie per le dritte, l’ho comprato sabato e l’ho provato subito. (Comunque io l’ho sciolto nel latte senza problemi, come era scritto nelle indicazioni)

    Liked by 1 persona

  10. Giulia Tardia 10 maggio 2016 alle 21:34 Reply

    Ciao sono Giulia ho anche io un problema di intolleranza al lattosio
    Ho cominciato ad utilizzare i vari latti delattosati ma dopo tre gg ho il problema…… C’è, mi è stato detto, l’accumulo
    Se sono a casa il problema non è insuperabile, ma fuori? Diventa sicuramente fastidioso, devo sempre tener sotto controllo quello che mangio.
    Certo che avere un prodotto ad alto contenuto di lattasi da assumere prima di mettere in bocca il cibo e magari potermi permettermi anche una pizza senza problemi sarebbe fantastico!
    Questo prodotto, Digesi 9000, che trovo pubblicizzato sopra se ho ben capito è quello che risulta a più alto contenuto di lattasi giusto?
    Aspetto una conferma da Asiadoc

    Mi piace

    • aishadoc 10 maggio 2016 alle 23:38 Reply

      Ciao Giulia, si, al momento è quello a più alto contenuto di lattasi in commercio.

      Mi piace

  11. Dome 26 maggio 2016 alle 12:41 Reply

    Salve,
    Qualcuno sa per caso se Silact contiene glutine?

    Mi piace

  12. Maria Rosaria 9 novembre 2016 alle 19:31 Reply

    Volevo segnalarvi un nuovo integratore di lattasi e altri enzimi proteolitici + probiotici, appena uscito. Si chiama GASDEP ACTIVE 6 + 12 Bustine (Erbozeta SpA)

    Liked by 1 persona

  13. Maria Rosaria 9 novembre 2016 alle 19:33 Reply

    Salve a tutti/e. Volevo segnalarvi un nuovo integratore di lattasi appena uscito in commercio. Si chiama GASDEP ACTIVE 6 + 12 Bustine (Erbozeta SpA). Spero che l’informazione possa essere utile per qualcuno/a.

    Liked by 1 persona

    • Marco Verducci 8 febbraio 2017 alle 12:26 Reply

      Qualcuno ha capito come convertire la concentrazione della quantità di lattasi tra ALU, U.I, FCC?
      Grazie

      Mi piace

      • aishadoc 2 marzo 2017 alle 13:05 Reply

        Ciao Marco, la conversione dovrebbe essere paritaria, ossia 1 Lac. U. = 1 ALU = 1 FCC unit.

        Mi piace

  14. Luigi 22 marzo 2017 alle 18:30 Reply

    Buonasera a tutti e soprattutto ad Aishadoc! Complimenti per quanto elaborato, la tua guida è utilissima. Sono d’accordo anche col consiglio di provare vari prodotti per capire quale sia migliore per il proprio intestino. Mi è sorta però una domanda, magari tu che hai esperienza puoi aiutarmi. Cosa succede se assumo più Lattasi di quella che mi serve? Cioè ci sono effetti collaterali? Altrimenti io sarei orientato ad assumere sempre il DIGESI9000 ed essere coperti a prescindere…nel caso la lattasi in eccesso non abbia effetti negativi. Grazie mille in anticipo

    Liked by 1 persona

    • aishadoc 22 marzo 2017 alle 19:09 Reply

      Ciao Luigi, grazie per le tue parole.
      Gli integratori di lattasi non sono tutti uguali, le composizioni differiscono anche per tipo di enzimi, ecco perché bisogna provare quale sia più idoneo a noi. Per il rischio di sovradosaggio trovi sempre indicazioni nel bugiardino.

      Mi piace

  15. messy92 13 maggio 2017 alle 12:03 Reply

    Ciao,
    innanzitutto grazie per l’articolo esaustivo.
    Mi chiedevo però: come mai un integratore di lattasi come LACTOSì che contiene più del triplo di unità di lattasi della media (che permettono in media di digerire 5g di lattosio per compressa da 4500UI), permette di digerire solo fino a 5g di lattosio o non 12-15g?
    Ci sono altri componenti che permettono la digestione del lattosio negli altri integratori o la quantità di lattasi oltre una certa soglia diventa “superfluo” (non saprei, magari viene espulso…)?
    Grazie mille in anticipo

    Mi piace

    • aishadoc 15 maggio 2017 alle 9:16 Reply

      Ciao messy, non so rispondere a questa tua domanda. Bisognerebbe chiedere alla casa farmaceutica per conoscere le specifiche farmacodinamiche dell’integratore.

      Mi piace

  16. Ambrogio 19 maggio 2017 alle 10:41 Reply

    LACTOSOLV capsule contiene 17500 FCC ed è, che io sappia, l’unico gastroprotetto in commercio con una bio disponibilità di 4 ore (il doppio di tutti gli altri).

    Liked by 1 persona

  17. Lu 25 luglio 2017 alle 14:27 Reply

    Ciao ma in effetti pure io faccio fatica a capire i vari dosaggi… io uso SILACT FAST e mi trovo bene (una compressa) e spesso anche SINAIRE COMBI che sono masticabili ma si possono pure deglutire e per essere più tranquilla preferisco deglutire perchè sono convinta che una parte di masticabili restino “appiccicate” in bocca e non mi fido mai abbastanza….

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...